Home page: APPROFONDIMENTI: Prevenzione con l'omeopatia

Prevenzione con prodotti omeopatici

Prevenzione con prodotti omeopatici

Il rimedio più utilizzato in omeopatia a scopo preventivo è un autolisato filtrato di fegato e di cuore di anatra (anas barbarie) preparato secondo uno schema messo a punto dal dottor Ray e successivamente diluito e dinamizzato normalmente alla 200 k. In commercio troviamo diversi preparati elaborati da varie aziende che variano l’associazione del rimedio con altri ad azione ritenuta sinergica:

OSCILLOCOCCINUM (Boiron): è il capostipite di questi preparati. Contiene esclusivamente il principio attivo citato, dinamizzato alla 200k.

DOLISOBIOS 15 (Boiron): è un bioterapico complesso costituito in diluizione omeopatica da Thymuline, Mucosa rinofaringea, Aconitum, Mercurius Solubilis, Silicea, Calcarea Sulfurica, in basse diluizioni 4/5CH – 7/9CH. La sua funzione principale è la capacità di modulare la risposta immunitaria mediante la Thymuline, mentre Calcarea Sulfurica. Mercurius Solubilis, Aconitum e Silicea agiscono come fluidificanti e anticatarrali delle mucosa respiratoria

DOLICOCCIL 1000 (Boiron): contiene, oltre all’anas barbarie alla 9ch, rame come oligoelemento
ed echinacea, entrambi ad azione immunostimolante.

OMEOGRIPHI ex INVERGRIPHI (Heel): contiene, oltre all’anas barbarie 200k, l’echinacea 3ch, il rame 3ch, già citati, aconitum e belladonna 5ch che sono rimedi omeopatici specifici per episodi influenzali (febbre, infiammazione e dolore) e ceppi virali tipici della stagione invernale.

ANAS COCCINUM (Oti): contiene, oltre all’anas barbarie 200dh, l’echinacea, ceppi virali, già citati, eupatorium perfoliatum 8dh rimedio tipico antinfluenzale, estratto organoterapico di milza ad azione immunostimolante.

HOMEOS 42 (Homeopharm): contiene ceppi virali tipici della stagione invernale (Influenzinum, Staphylococcinum, Streptococcinum, Klebsiella Pneumoniae, Aviaire) tutti alla 9ch.

Tutti questi rimedi vanno assunti, a scopo preventivo, mediamente nel dosaggio di una dose ogni 7-14 giorni al mattino a digiuno, più o meno per tutto il periodo invernale. Possono essere utilizzati anche a scopo curativo in fase di espressione della malattia assumendo la monodose ogni 8 ore.