Home page: APPROFONDIMENTI: Pronto soccorso per vacanze tranquille

Pronto soccorso per vacanze sicure

Pronto soccorso per vacanze sicure

Pronto soccorso per vacanze tranquille...

 

E' arrivata la bella stagione! Passiamo, con i nostri bimbi, molto più tempo all'aperto e questo comporta l'avere qualche attenzione in più...

Non solo in vacanza ma anche in giardino o al parco, qualche inconveniente può capitare, dal ginocchio sbucciato al pizzico di un insetto molesto, per cui cercherò in questo articolo di dare qualche utile indicazione per non rovinarsi bei momenti di relax con i vostri bambini.

Partiamo dalla situazione più semplice...il parco..

Tanto amato dai bambini può presentare comunque qualche insidia per cui, nella borsa, cari genitori, nonni, babysitter non dimenticate di mettere:

  • salviettine disinfettanti e cerotti

  • 1 busta di ghiaccio istantaneo

  • un post-puntura da applicare il prima possibile in caso di puntura d'insetto

Un po' più complicato è il discorso vacanze. La meta di sicuro influenzerà la preparazione della nostra valigetta del pronto soccorso ma alcuni prodotti non dovrebbero mai mancare, soprattutto se non sarà possibile raggiungere rapidamente una farmacia o un ospedale.

Come già detto per il parco, stando all'aperto conviene avere a portata di mano qualche prodotto per la medicazione delle ferite:

  • cerotti di varie misure

  • un disinfettante che non bruci

  • garze sterili, non il cotone, che può lasciare fibre nella ferita

  • una crema cicatrizzante in tubo o in garze per facilitare la guarigione delle abrasioni o dei tagli più profondi. Queste creme vanno bene anche per eventuali ustioni da corpo caldo

  • ghiaccio istantaneo in busta, per ustioni, ematomi o traumi in generale

  • una crema per riassorbire eventuali lividi o per traumi, trattandosi di bambini un gel a base di arnica sarebbe perfetto

  • una benda elastica per fasciature

Altra situazione da affrontare, gli insetti.

In primavera ed estate ci fanno compagnia coccinelle e farfalle ma purtroppo anche insetti che ci fanno spesso “assaggiare” il pungiglione o che banchettano con il nostro sangue. Api, vespe, pappataci e zanzare (soprattutto le Tigre) possono creare dolorosi ponfi e al mare, le meduse non sono da meno.

Portiamo allora con noi:

  • un repellente. E qui il discorso cambia a seconda dell'età...Per bimbi molto piccoli, sotto l'anno, è preferibile usare su lettini e passeggini le zanzariere, i prodotti da applicare sulla pelle, anche quelli naturali, possono essere fonte di allergie da contatto e sono comunque troppo forti. Si può eventualmente ricorrere ai cerottini a base di citronella da applicare sui vestiti. Per bimbi più grandicelli si trovano in farmacia i braccialetti alla citronella e le salviette umidificate a base di estratti di piante naturalmente repellenti (citronella, geranio, ledum...). Solo sopra i 2 anni si possono iniziare ad usare, se la situazione lo richiede, prodotti a base di veri e propri insetticidi. In questo caso va prestata molta attenzione quando si applicano e l'uso va comunque limitato. Nei bambini è sempre preferibile l'uso di prodotti naturali, magari da applicare più spesso, per mantenerne l'efficacia.

  • un post-puntura. Da applicare dopo eventuale ghiaccio. Esistono in commercio “penne” e roll-on senza ammoniaca, studiate per i bambini, da applicare il prima possibile per aumentarne l'efficacia. Molto utili anche i gel e le creme a base di estratti vegetali lenitivi.

  • una crema con cortisone e antibiotico. A volte alcuni insetti provocano ponfi infiammati e dolorosi per cui i rimedi classici non sono efficaci. Solo in questo caso si può ricorrere all'uso di creme cortisoniche e antibiotiche. Chiedete, prima di partire, al vostro pediatra che ve ne consigli una.

Una cosa che può aiutare e che sempre più spesso viene consigliata anche dai pediatri, è la prevenzione nei confronti dei pizzichi di zanzara. Soprattutto nelle zone molto infestate, utilizzare granuli omeopatici di Ledum o Culex durante tutta l'estate, può ridurre la frequenza dei pizzichi e soprattutto la reazione della pelle. Questi prodotti sono assolutamente sicuri, la loro funzione è quella di dare alla pelle un odore sgradito agli insetti e di ridurre il grado di gonfiore e infiammazione del ponfo.

Bella stagione vuol dire anche sole! Il sole fa bene ma sono d'obbligo crema solare e dopo-sole per tutti!

Per i bambini ricordiamo che sotto i due anni di età va evitata l'esposizione prolungata e diretta, soprattutto nelle ore più calde. Non va mai dimenticato il cappellino, importanti anche gli occhiali da sole. Per proteggere la pelle è necessario applicare sempre creme con massima protezione. Il mercato offre un po' di tutto e orientarsi non è facile...chiedere al vostro farmacista di fiducia e leggere bene, anche in questo caso, l'etichetta del prodotto, sarà senz'altro utile.

La grande differenza riguarda la tipologia di filtro utilizzata nella crema: chimico o fisico. Ognuno presenta pregi e difetti. Il filtro fisico è generalmente costituito da biossido di titanio e ossido di zinco, non è nocivo, non provoca allergie ed è attivo subito. Per contro i vostri bimbi sembreranno dei “fantasmini” ...

Il filtro chimico, invece, può essere fonte di allergie. Se la crema contiene oxibenzone o PABA fate molta attenzione e piuttosto orientate la scelta verso altri prodotti che non li contengono. Gli atri filtri chimici sono più sicuri. Bisogna anche tener conto del fatto che i filtri chimici hanno bisogno di circa 20 minuti per attivarsi per cui dopo aver spalmato la crema non esponete subito il bimbo al sole.

Per tutti i tipi di prodotto vale comunque la regola di riapplicarli dopo bagni prolungati o se il bambino suda molto e che abbiano protezione nei confronti sia dei raggi UVB, quelli responsabili delle scottature, che degli UVA responsabili dei danni a lungo termine ma più gravi, a livello delle cellule.

Come per le zanzare, anche nei confronti di eritemi e scottature si può fare prevenzione. Petroleum e Apis, granuli omeopatici, sono i nostri alleati. Assunti mezz'ora prima di esporsi e ogni 2 ore durante l'esposizione, evitando di restare sotto il sole nelle ore centrali della giornata, servono rispettivamente a favorire la produzione di melanina (che protegge dai danni solari e regala un bel colore dorato) e ad evitare eritemi.

Fino ad ora ho elencato prodotti legati prettamente a vacanze e vita all'aperto, non devono però mancare anche:

  • termometro e tachipirina, per far fronte ad una febbre improvvisa

  • fermenti lattici da conservare fuori dal frigo, per mal di pancia o diarrea

  • gocce anestetiche e antinfiammatorie per le orecchie, perchè un colpo d'aria o l'acqua nelle orecchie dopo un bagno in mare o in piscina possono provocare dolorose otiti

  • i farmaci che eventualmente il bambino utilizza per disturbi cronici, ricordiamoci che reperire prodotti anche solo in un'altra regione è complicato. Non sempre si trova subito una guardia medica per la ricetta o un ospedale...

A questo punto voi dovete solo aggiungere costume, scarponi, giochi e un buon libro

e io augurarvi.... buone vacanze!

 

Dott.ssa Laura Magnani