Home page: APPROFONDIMENTI: Difficoltà circolatorie

Le difficoltà di circolazione

Le difficoltà di circolazione

La sensazione di " gambe pesanti"  è uno dei primi segnali  del rallentamento del flusso sanguigno dalla periferia al cuore.  Le vene delle gambe devono spingere il sangue dal basso verso l´alto, ma se perdono tono, il sangue  fatica a risalire e tende ad uscire dal letto venoso, causando gonfiore.Questa si accentua ancora di più  durante l'estate, tuttavia per coloro che sono costretti a stare in piedi o seduti per molto tempo durante la giornata questo è un problema che si presenta tutto l'anno.

I sintomi principali sono sensazione di pesantezza, stanchezza e dolore alle gambe e ai polpacci.  Solitamente i disturbi  si sentono di più la sera, soprattutto per chi ha un lavoro sedentario od è costretto a stare in piedi tutto il giorno.

PREVENIRE E' MEGLIO CHE CURARE :

- fare movimento : passeggiate,  bicicletta al posto dell'auto, nuoto, uso delle  scale al posto dell'ascensore aiuta a stimolare la risalita del sangue verso il cuore.

- tenere le gambe sollevate, soprattutto quando si è a casa, la sera, magari davanti alla TV, per aiutare il ritorno del sabgue al cuore.  E quando si dorme, un cuscino sotto i polpacci aiuta il flusso sanguigno e migliora la stasi venosa.

- controllo del peso, per diminuire il carico sugli arti inferiori.

- seguire un´alimentazione sana e leggera perchè  i grassi assunti in eccesso induriscono le pareti delle vene e ne  diminuiscono l'elasticità.

- assumere integratori naturali a base di bioflavonoidi :

Isoquercitrina e rutina sono flavonoidi di origine vegetale, la cui azione si esplica soprattutto nell'aiutare i normali processi di mantenimento del benessere dell'apparato circolatorio. Dal punto di vista chimico, sono sdue diversi glicosidi della quercetina. L'accoppiamento delle sue sostanze è fondamentale per garantire migliori profili di biodisponibilità . Inoltre la differente modalità di azione permette di ottenere un effetto 'fast' legato ad un effetto 'retard', ossia prolungato nel tempo.

L'isoquercetina si distingue per la sua velocità di assorbimento e d'azione, al contrario, la rutina ha un assorimento più lento che dura nel tempo, prolungando l'azione durante la giornata.