Home page: APPROFONDIMENTI: Cellulite : come combatterla

La Cellulite : combatterla si può

La Cellulite : combatterla si può

La cellulite estetica, in termini medici più correttamente denominata pannicolopatia edemato-fibro-sclerotica o PEFS, indica una condizione alterata del tessuto sottocutaneo che è ricco di cellule adipose. La cellulite è concentrata sotto la pelle ed è caratterizzata da ipertrofia delle cellule adipose, dove, negli spazi intracellulari si accumulano liquidi (residui dei processi biochimici dell'organismo) in eccesso. L’equilibrio del sistema venoso e linfatico (la linfa è un liquido che raccoglie i materiali di scarto dell’organismo e scorre nei vasi linfatici) è modificato con un rallentamento del flusso sanguigno e una ritenzione di liquidi da parte dei tessuti. I fattori primari sono la razza (la cellulite predilige le donne di razza bianca, della tipologia mediterranea), e  l’ereditarietà. I fattori secondari (cofattori) sono la vita sedentaria, il sovrappeso, lo stress, le posture scorrette (stare troppo tempo in piedi o a gambe accavallate), certe abitudini sbagliate (usare scarpe dal tacco troppo alto ed abiti troppo stretti), ecc.

 

COMBATTERE LA CELLULITE CON ACQUA E INTEGRATORI

L'acqua rappresenta un'importante alimento per tutti, in maniera particolare chi soffre di cellulite deve porre particolare attenzione all'assunzione di acqua assicurandosi di berne almeno 2 litri al giorno. Come abbiamo visto la cellulite è rappresentata da un'infiammazione dei tessuti che si trovano in stretto contatto con tossine che non riescono a defluire dagli strati sottocutanei. Un apporto di liquidi adeguato consente appunto di eliminare le tossine in eccesso riducendo così la ritenzione idrica, concausa della cellulite.

Talvolta per combattere la cellulite è possibile intervenire con degli integratori alimentari, fra gli integratori più impiegati troviamo la betulla, l'ananas, il tè verde, il rusco e il meliloto. Le loro azioni si suddividono in : protettrici delle pareti dei vasi capillari e linfatici, come il rusco e il meliloto, che aiutano nella protezione dei vasi e di conseguenza rallentano il processo di comparsa della cellulite causato proprio dal travaso di liquidi dalla piccola circolazione periferica. Un'altra importante azione svolta dagli integratori è quella drenate, come nel caso della betulla e ananas, drenando i liquidi in eccesso si ha anche un allontanamento delle tossine prodotte dalle cellule adipose che rimangono isolate dall'irrorazione venosa.Ci sono poi integratori come il tè verde che stimolano l'attività metabolica dei tessuti favorendo lo smaltimento dei grassi.

 

ALIMENTAZIONE

Fra le diete maggiormente indicate per eliminare la cellulite troviamo diete a basso contenuto di grassi, diete a zona, diete povere di sodio e ad alto contenuto di fibre.

L'importante è comunque trovare un piano dietetico che non privi totalmente l'assunzione di cibi gustosi e piacevoli ma che ne limiti solamente l'assunzione privilegiandone altri con un maggior contenuto di fibre e più basso valore calorico. Una dieta sana e bilanciata non solo aiuta a mantenere una pelle morbida e in salute ma agisce anche sul benessere generale, permettendo di acquisire fiducia e di sentirsi meglio sia fisicamente che mentalmente. Un piano dietetico per contrastare la cellulite prevede anche l'impiego di alimenti disintossicanti, l'eliminazione delle tossine è infatti indirettamente la vera soluzione per sconfiggere la cellulite.
Frutta e verdura sono degli alimenti ottimi per contribuire all'eliminazione delle tossine accumulate, contengono inoltre un alto contenuto di fibre, alleate indispensabili nella lotta alla cellulite in quanto migliorano eventuali piccoli casi di stipsi riducendo la ritenzione idrica. frutta e verdura inoltre apportano minerali e antiossidanti che aiutano a ridurre i danni dei radicali liberi.

Per combattere la cellulite sono importanti anche i minerali antiossidanti che aiutano a regolare il metabolismo dei grassi, inoltre omega 3 e acidi grassi essenziali contenuti nelle noci possono essere dei buoni alleati anti cellulite. Naturalmente oltre alla scelta degli alimenti più corretti per combattere la cellulite è di fondamentale importanza bere molta acqua, che aiuta a ridurre la ritenzione idrica e a eliminare tossine in eccesso.

Ci sono degli alimenti da evitare?

Certo esistono degli alimenti che possono peggiorare lo stato infiammatorio dei tessuti e quindi aggravare la cellulite. Fra i peggiori troviamo l'alcool, cibi raffinati ovvero tutti quelli che contengono additivi artificiali, grassi idrogenati e dolcificanti. I dolci ricchi di zucchero bianco possono contribuire notevolmente alla ritenzione idrica e all'intossicazione cellulare e così i latte e latticini che favoriscono la produzione di muco e il rallentamento della circolazione. La carne, spesso ricca di ormoni, può favorire la stasi linfatica e quindi in generale un'alimentazione vegetariana può migliorare molto il problema “cellulite”.


 

STRATEGIE LOCALI PER COMBATTERE LA CELLULITE
 

Molti sono i prodotti che vengono commercializzati per il trattamento locale della cellulite. Nella nostra farmacia consigliamo di iniziare un vero e proprio trattamento estetico “fai da te” in 3 mosse:

1. Peeling della pelle: eliminare le cellule morte per fare respirare la pelle è un primo passo necessario. Nella nostra farmacia consigliamo due prodotti:

  • peeling-doccia alla Betulla Weleda da utilizzare sotto la doccia, tratta la pelle con delicatezza rendendola percettibilmente più levigata. La pelle risulta morbida come seta, liscia e pura. Inoltre sostiene l'attività e il rinnovo delle cellule cutanee e stimola il microcircolo. Da usare due volte a settimana.

 

 

 

2. Applicare sulla pelle prodotti che penetrando in profondità attivano il metabolismo dei liquidi ed esercitano un’intensa azione rassodante e levigante sulla pelle, che appare più elastica, compatta e tonica. Tra i prodotti consigliati:

da applicare ogni giorno con costanza



 

Per tutti questi trattamenti quello che è fondamentale è la costanza nel tempo e si consiglia quindi di effettuare l'applicazioni di questi prodotti per almeno due mesi.